Gabriele Donati
Gallery | Links | Chi Sono | Contatti | Home

 

Gabriele Donati

Fotografia subacquea

 

1 Aprile 2009 - Il tursiope - Tursiops truncatus

Fotografi subacquei, fotografie subacquee, underwater photographers, underwater pictures, red sea pictures, red sea images, dive red sea, fotografia subacquea, fotografi subacquei professionisti, fotosub in mar rosso, fotosub in italia, great underwater photographers.

 

Il tursiope, (Tursiops truncatus) è un cetaceo odontoceto appartenente alla famiglia dei Delfinidi.

È il delfino più studiato e quello più utilizzato nei delfinari per la sua grande abilità nel compiere acrobazie fuori dall'acqua ma anche perché è una delle rare specie di delfini a sopportare la cattività.
È diffuso nei mari temperati e tropicali di tutto il mondo ad eccezione delle zone artiche ed antartiche e ne esistono due popolazioni distinte, una costiera ed una di mare aperto. Quelle costiere possono compiere delle migrazioni, mentre quelle pelagiche sono generalmente stanziali.
Vi sono delle differenze tra i due tipi di popolazioni: i tursiopi pelagici hanno corpo più grande e robusto rispetto a quelli costieri e ciò sembra sia dovuto al fatto che i tursiopi pelagici compiano immersioni più profonde rispetto a quelli costieri. I tursiopi pelagici possono immergersi fino a 200 metri e possono rimanere sott'acqua per 15 minuti senza respirare, mentre i tursiopi costieri si immergono per massimo 4-5 minuti ad una profondità di circa 30 metri.
Vivono in branchi, chiamati pods, composti generalmente da 4-6 individui fino ad un massimo di 12. Non è raro comunque osservare individui solitari, generalmente maschi. I gruppi, infatti, sono costituiti da un gruppo di femmine con i loro piccoli, e i maschi vi si uniscono solo per un breve tempo. Alcuni tursiopi vivono insieme ad altre specie di Cetacei.

In Italia sono frequenti lungo le coste siciliane, nell'Adriatico e in alcune porzioni del Santuario dei Cetacei, cioè il tratto di mare compreso tra Liguria, Toscana, Sardegna settentrionale e Francia meridionale. In quest'area marina il tursiope risulta soprattutto frequente lungo le coste della Toscana, e della Liguria orientale.

I tursiopi presentano un corpo fusiforme, che assicura loro una grande idrodinamicità, ciò gli permette di ridurre notevolmente l'attrito con l'acqua. Raggiungono la velocità di circa 30 km/h e la spinta propulsiva è data dal movimento verticale della pinna caudale.
La colorazione è pressoché identica in entrambe le popolazioni ed appare, di colore grigio con varie sfumature sul dorso e bianco sul ventre. Sui fianchi il grigio diviene più chiaro.
Il maschio è poco più grande della femmina, la lunghezza varia tra i 2,50 ed i circa 3 metri e pesano intorno ai 300 kg.
Il muso è caratterizzato dalla presenza di una specie di sorriso . Sulla porzione apicale del capo è presente lo sfiatatoio, attraverso cui il tursiope espelle l'aria respirata.

Sono tra i delfini più difficili da identificare, sebbene siano molto curiosi nei confronti delle imbarcazioni. Possono essere riconosciuti mediante l'avvistamento della pinna dorsale, o dagli spruzzi causati dai salti e dal nuoto.
È una specie opportunista, si nutre principalmente di Pesci (acciughe, sgombri, cefali, etc…) e Cefalopodi (calamari, seppie e polpi), non disdegnano comunque all'occorrenza anche i Crostacei. Studi effettuati hanno evidenziato come in Mediterraneo i tursiopi si nutrano principalmente di naselli, pesci sciabola, gronghi e calamari. I denti conici sono utilizzati per afferrare il cibo, non per masticarlo. Spesso per cacciare cooperano tra di loro e frequentemente seguono anche i pescherecci per nutrirsi degli scarti o delle perdite dei pescatori.

Le femmine raggiungono la maturità sessuale a 8 anni e possono vivere fino a 40 anni, mentre i maschi intorno a 11 anni e vivono fino a 30. La gestazione dura 12 mesi e le nascite avvengono in estate. Partoriscono di norma un solo piccolo, lungo circa 1 m, che resterà in contatto con la madre per circa 6 anni. Lo svezzamento completo avviene dopo circa 18 mesi e comunque termina prima della nascita di un secondo piccolo. Nei tursiopi si assiste al fenomeno del babysitting: i piccoli vengono accuditi da una sola femmina, mentre le altre madri vanno a caccia.
Si riproducono ogni 2 o 3 anni, cambiando ogni volta partner, ma se il primo piccolo muore alla nascita, la femmina può riprodursi già dopo un anno.Come in tutti i Cetacei, i piccoli nascono dalla coda e sono già in grado di nuotare per seguire la madre. Questa subito dopo la nascita lo accompagna verso la superficie per farlo respirare e in questa operazione talvolta è coadiuvata da altre femmine.
Durante la stagione degli amori, i maschi combattono tra di loro per le femmine e di solito stabiliscono una gerarchia basata sulla taglia. Le coppie si formano quando un maschio mostra una certa preferenza nel nuotare accanto ad una femmina e resta con lei per un dato periodo di tempo.

Gallery |

Links |

Chi Sono |

Contatti |

Home


 


Comments (0) - Leave a Comment


23 Novembre 2008 - Lo Squalo longimanus - Carcharhinus longimanus -

fotosub in italia, foto sub, immagini subacquee, fotografie subacquee, fotografia subacquea, fotografi subacquei, foto di squali, sharks pictures, underwater life, tropical sea, red sea underwater, fotografie mare mediterraneo, fotografie sub mare tirreno, arcipelago toscano

Lo Squalo longimanus, è un grande squalo pelagico che vive nei mari tropicali e temperati caldi. E' una specie robusta, caratterizzata da lunghe ed arrotondate pinne a punta bianca.
La parola longimanus si riferisce alla lunghezza delle pinne, longimanus in latino significa infatti dalla lunga mano.
Si trova ovunque in mare aperto ed in acque profonde con temperature che variano tra i 20 °C  ed i 28 °C.
Un tempo era molto comune e largamente diffuso, anche se ancora oggi abita vaste zone del pianeta, recenti studi hanno accertato che negli ultimi anni il loro numero si è ridotto drasticamente in quanto le loro pinne sono molto ricercate come ingrediente principale della zuppa di pinne di squalo.
Questa specie trascorre la maggior parte del tempo nella superficie dell'oceano, può arrivare ad una profondità massima di circa 150 metri, preferisce le aree oceaniche con acqua più profonda e lontane dalla riva. Occasionalmente se ne trovano anche in acque meno profonde, soprattutto vicino a isole circondate dall'oceano. E' in genere una specie solitaria, ma in presenza di ricche fonti di cibo, a volte si possono osservare in gruppo. 
E' attivo sia durante il giorno che durante la notte.
Nonostante si tengano lontani dai pesci della loro specie, si trovano spesso accompagnati da pesci pilota, lampughe, remore.
La caratteristica principale del longimanus è caratterizzata dalla presenza di lunghe pinne pettorali e dorsali, simili ad ali che finiscono di color bianco. Le pinne sono molto più grandi di quelle degli altri squali, e piuttosto arrotondate. La punta del muso è anch'essa arrotondata, gli occhi sono circolari. Ha il tipico, anche se un po' ingrossato, corpo da squalo, spesso con un aspetto leggermente incurvato. Sul dorso è bronzeo, marrone, bluastro o grigio e bianco sul ventre.
La dimensione massima di uno Squalo longimanus è di circa 4 metri, il suo peso è di circa 170 kg. La femmina è in genere, anche se di poco, più larga del maschio.
Questa specie di squalo presenta una diversa dentatura: nella mandibola inferiore i denti sono a punta, sottili e dentellati e sono relativamente piccoli e di forma triangolare mentre quelli della mascella superiore, anchessi triangolari, sono molto più larghi ed ampi, con le sommità completamente dentellate.
Il longimanus si ciba principalmente di cefalopodi pelagici e pesci ossei. Ad ogni modo, la sua dieta può essere molto varia, può cibarsi anche di Tartarughe marine, uccelli, gastropodi, crostacei, carcasse di mammiferi, e addirittura rifiuti abbandonati da navi in transito ed escrementi dei suoi pesci pilota. I suoi metodi di caccia comprendono mordere casualmente all'interno di un gruppo di pesci o nuotare attraverso un banco di tonni con la bocca spalancata. Quando si nutre assieme ad altre specie, diventa aggressivo.
Se attirato da qualcosa che identificava come cibo, il pesce inizia ad avvicinarsi in modo cauto ma avido, si ritira a distanza di sicurezza se allontanato, ma lo fà per tenersi pronto a scattare appena gli si presenti l'occasione. Lo squalo longimanus non è un animale veloce, ma è capace di sorprendenti scatti improvvisi.
Questa specie rappresenta un rischio minimo per i bagnanti e per gli sportivi, ma è letale per gli uomini che per qualche motivo si trovino in oceano aperto e che possano essere visti come prede.
E' un pesce aggressivo, che si muove lentamente ma nonostante ciò, rappresenta uno dei maggiori pericoli per i sopravvissuti ai disastri aerei o navali. Questa specie ha attaccato più volte l'uomo di quanto non abbiano fatto tutte le altre specie di squali messe assieme.
Anche se è molto opportunista ed aggressivo, noto per aver attaccato l'uomo per cibarsi; ci sono dei sommozzatori che vi hanno nuotato vicino senza essere stati morsi (io sono uno di loro). Si deve mantenere alcuni accorgimenti: avvicinarsi solo con estrema cautela, non fiocinare pesci in sua presenza e se nel caso si facesse troppo curioso e si avvicinasse troppo, uscire dall'acqua il più presto possibile. Per gli squali in generale in caso di attacco, si consiglia di colpirli sul muso, sugli occhi o sulle branchie, questa procedura però non sembra avere effetto sullo Squalo longimanus.

Gallery |

Links |

Chi Sono |

Contatti |

Home


Comments (0) - Leave a Comment


22 Novembre 2008 - Il Pesce Napoleone - Cheilinus Undulatus -

fotografie subacquee fatte da professionisti, fotografie subacquee digitali, servizi fotografici subacquei, archivio di fotografie subacquee, i migliori fotografi subacquei, corsi di fotografia subacquea, tecnica fotografica subacquea, fotografi subacquei italiani, fotografi subacquei toscani 

Famosissimo abitante del Mar Rosso il pesce Napoleone è il più grosso rappresentante della famiglia dei Labridi, è di colore verdastro con delle striature irregolari giallo verdastre sui fianchi. Il capo presenta una retinatura gialla-arancione irregolare e la bocca è provvista di labbra molto grosse, che grazie alla particolare articolazione della mandibola possono essere estroflesse per ingoiare il cibo con un potente risucchio.
Il Pesce napoleone è conosciuto anche come pesce Maori, So Mei, Mameng, vive nella barriera corallina esterna, nelle pareti e raramente nel reef lagunare, spazia tra una profondità da 1 a 60 mt. 
Gli adulti di maschio, il cui corpo è molto alto e tozzo, possono raggiungere anche notevoli dimensioni oltre i 2 metri e 200 Kg, durante la sua vita può attraversare stadi sia maschili che femminili.
Gli esemplari più vecchi e di maggiori dimensioni presentano una vistosa protuberanza sul capo che vagamente richiama il cappello di Napoleone, da cui il loro nome.
Vive generalmente da solo e si ciba principalmente di crostacei, molluschi, ricci, stelle corona; è uno dei pochissimi predatori di animali marini velenosi come i pesci scatola della Famiglia Ostraciidae, le Aplysie ed altri. 
Di notte si nasconde in cavità o sotto i coralli.
Le imponenti dimensioni e l'indole molto curiosa e inoffensiva lo rendono uno dei pesci più amati dai subacquei.

 

Gallery |

Links |

Chi Sono |

Contatti |

Home


Comments (1) - Leave a Comment




filippo galluzzi photographer siena